La prima passeggiata
Una passeggiata a cavallo è senz’altro un’esperienza da non farsi perdere, anche per chi non ha grande dimestichezza con gli equini. Tuttavia sarebbe buona cosa avere un minimo di allenamento, e famigliarità con il cavallo, affinché la scampagnata non si trasformi in una esperienza da dimenticare.

Il primo consiglio è quello di uscire in passeggiata in gruppo per le prime volte, magari al seguito di un istruttore, per rendere il tutto più allegro e non farsi prendere dal panico. Di solito in passeggiata si procede in fila indiana, ed è buona regola rispettare il proprio posto, senza superare chi sta davanti. Inoltre bisogna mantenere una certa distanza di sicurezza: circa un metro e mezzo deve passare tra la coda del cavallo che ti precede e il naso del tuo cavallo. Se ti allontani troppo il tuo cavallo potrebbe decidere di aumentare l’andatura per recuperare terreno; e ricorda che procedendo uno dietro l’altro i cavalli sono portati a fare la stessa cosa che fa il cavallo che lo precede...perciò se deciderai di galoppare tutti i cavalli dietro di te saranno portati a seguire la tua andatura, magari mettendo in difficoltà i loro cavalieri. Lascia comunque un po’di libertà al tuo cavallo, senza tirare troppo le redini o sollecitandolo continuamente con le gambe; lascia che muova liberamente il collo, che svolge un’importante funzione di bilanciere soprattutto quando il terreno non è in piano. Ecco infatti un’altra difficoltà che non si può trovare in un maneggio: i dislivelli. Tuttavia non sono difficili da affrontare, ti basterà mantenere una assetto che faciliti il più possibile il tuo cavallo, e farà tutto da solo. In particolare in discesa resta seduto e asseconda i movimenti dell’incollatura, senza spostare il tuo peso in avanti; in salita invece sollevati leggermente sulle staffe portando il busto in avanti. Lo scopo è quello di rendersi il più leggero possibile in modo da consentire al cavallo di riequilibrarsi da solo. Ultimo consiglio. Poiché i cavalli seguono i movimenti di chi li precede, stai sempre pronto ai cambiamenti di andatura. Solitamente l’istruttore avverte gli altri prima di mettersi al galoppo; a questo punto basta ricordarsi di mantenere l’assetto corretto, di stringere le ginocchia, tenere le spalle ben aperte e accompagnare i movimenti del cavallo. 

 

Ipse dixit

IL CAVALLO E' UN DONO DI DIO AGLI UOMINI.
(proverbio arabo).


UN CAVALLO, UN CAVALLO, IL MIO REGNO PER UN CAVALLO!
(Riccardo III - Shakespeare)

IL GALOPPO E' LA CURA PER OGNI MALE.
(B.Disraelli)

CAVALCARE TRASFORMA "VORREI" IN "POSSO".
(P.Brown)

NEL MONTARE UN CAVALLO NOI PRENDIAMO IN PRESTITO LA LIBERTA'.
(H.Thomson)

FRA LA SELLA E LA TERRA C'E' LA GRAZIA DI DIO.
(proverbio irlandese)

UN CAVALLO VALE PIU' DI OGNI RICCHEZZA.
(proverbio spagnolo)

L'ARIA DEL PARADISO E' QUELLA CHE SOFFIA TRA LE ORECCHIE DI UN CAVALLO.
(proverbio arabo)

Login Form