Purosangue Arabo (PSA)

cavallo arabo cavallo arabo

Storia
Fra tutte le razze attuali quella araba è sicuramente la più antica.La storia dell'Arabo fu divisa dall'emiro Abd-el-Kader(1808-1883) in quattro ere: da Adamo ad Ismaele; da Ismaele a Salomone; da Salomone al profeta Maometto; da Maometto in poi. Una prova sicura sull' esistenza della razza si ebbe già nel 786 d.C. grazie allo storico El kelbi.Per ciò che ha contribuito allo sviluppo della razza bisogna dire che allevatori Europei hanno contribuito in modo positivo.

 

Caratteri morfologici
Il purosangue arabo possiede una così perfetta simmetria di proporzioni, da porlo al di sopra di qualsiasi razza equina, per belle ed elegante che sia. L’arabo viene considerato il più armonioso ma la sua bellezza non è l’unico pregio. Possiede tutte le virtù che possano coesistere in un cavallo: l’equilibrio, la velocità, la forza, la generosità e una grande resistenza nonostante l’apparenza fragile.E’ un cavallo agile ubbidiente e sciolto, ed in grado di svolgere tutte le attività richieste ad un cavallo da sella.E’ un cavallo piuttosto piccolo, la cui altezza si aggira intorno a 1.42m ma può arrivare a superare 1.50m (non vi è limite di altezza in questa razza). La conformazione del purosangue arabo è unica nel suo genere: la testa è piccolo con profilo concavo, narici mobili e molto aperte; gli occhi sono grandi tra loro distanziati e disposti piuttosto in basso sul capo; le orecchie sono corte, appuntite; il collo è lungo ben arcuato, allargato alla base;i garresi non sono alti e si inclinano verso il dorso che è forte e orizzontale; la groppa è ampia e piana, la coda attaccata alta; il petto è largo e profondo, le gambe sono ben muscolate e hanno tendini molto resistenti. Il mantello è generalmente grigio, baio, sauro, morello.

 

Temperamento
E’ un cavallo che, avendo condiviso per secoli la vita delle tribù nomadi del deserto, ha acquistato un carattere particolarmente socievole e una generosa intelligenza. Pur essendo scattante e vivace, è assai ubbidiente e coopera prontamente specie se il cavaliere ha saputo entrare nelle sue simpatie.

 

Ipse dixit

IL CAVALLO E' UN DONO DI DIO AGLI UOMINI.
(proverbio arabo).


UN CAVALLO, UN CAVALLO, IL MIO REGNO PER UN CAVALLO!
(Riccardo III - Shakespeare)

IL GALOPPO E' LA CURA PER OGNI MALE.
(B.Disraelli)

CAVALCARE TRASFORMA "VORREI" IN "POSSO".
(P.Brown)

NEL MONTARE UN CAVALLO NOI PRENDIAMO IN PRESTITO LA LIBERTA'.
(H.Thomson)

FRA LA SELLA E LA TERRA C'E' LA GRAZIA DI DIO.
(proverbio irlandese)

UN CAVALLO VALE PIU' DI OGNI RICCHEZZA.
(proverbio spagnolo)

L'ARIA DEL PARADISO E' QUELLA CHE SOFFIA TRA LE ORECCHIE DI UN CAVALLO.
(proverbio arabo)

Login Form